La Fata della Zucca

Libri e Pasticci in Cucina

Recensione del libro WHISTLE STOP CAFÈ COOKBOOK (Ricetta dei Pomodori Verdi Fritti)

su 23 maggio 2012

Di solito diffido dei libri che sono un “di cui” di qualcos’altro: i libri tratti dai film, dalle trasmissioni televisive, gli spin-off di altri libri mi lasciano perplessa. Probabilmente non è così (e, anzi, se avete dei consigli e suggerimenti sono qui per ascoltarli!!:-)) ma in genere penso che abbiano poco da dire perché non sono scritti con il cuore, ma solo perchè spinti dalla popolarità. Questo libro, a mio avviso, fa eccezione.

FANNIE FLAG’S ORIGINAL WHISTLE STOP CAFÈ  COOKBOOK – Fannie Flag, edito da Fawcett/Ballantine Books

Ho acquistato questo libro sull’onda dell’emozione. In qualche modo era collegato a uno dei film più teneri, divertenti, emozionanti che abbia mai visto e volevo davvero capire di cosa si trattava. Non so se sapete che il titolo originale del film Pomodori Verdi Fritti alla fermata dell’autobus è Fried Green Tomatoes at the Whistle Stop Cafè …lo so che adesso avete sorriso! Non si può non pensare a quel film senza ridere, ricordando una grandiosa Kathy Bates tutta avvolta nella pellicola da cucina o mentre brandisce un gigantesco martello da demolizioni urlando “TOWANDA!!!” 🙂

L’autrice ha trascorso l’infanzia e la giovinezza in un cafè dell’Alabama gestito dalla zia Bess e ha preso spunto da quell’esperienza per realizzare questo libro, aiutata da una chef a completare tutte le ricette della sua memoria: il risultato sono poco più di 200 pag che brulicano di originali ricette del sud (degli States), di consigli e di divertentissime note dell’autrice.

Lo ripeterò fino allo sfinimento, ma la cucina degli USA mi piace! e questo libro è pieno di idee. E non sto parlando di hamburger e patatine, ma di ricchi stufati di manzo, di deliziose torte alle noci pecan aromatizzate al Bourbon e di una smodata quantità di pies dolci e salate da far girare la testa!

È un libro dal fascino retrò, con foto del secolo passato, di un sud che dovrebbe non esistere più ma che invece è ancora lì, nei piccoli paesini che costellano gli immensi spazi d’America: fa venir voglia di prendere un aereo e partire solo per affondare i denti in un delizioso piatto di croccante pollo fritto alla maniera del sud accompagnato da gravy fumante e panini al latticello…nell’attesa del viaggio, perché non cucinare qualche manicaretto qui in Italia?

Io, nemmeno a dirlo, mi sono cimentata con il mio primo piatto di Pomodori Verdi Fritti (a casa mia!).

INGREDIENTI

–        ¾ tazza* farina autolievitante**

–        ¼ tazza farina di mais

–        ¼ cucchiaino sale

–        ¼ cucchiaino pepe

–        ¾ tazza latte

–        3 o 4 pomodori verdi

–        Olio per friggere

* Come in moltissimi libri di cucina USA le quantità sono espresse a volume e non in peso. Si trovano quindi riferimenti a tazze e cucchiai invece che grammi e litri. In questo caso credo non sia necessaria la conversione, perché si tratta solo di preparare una pastella, ma in generale tenete conto che 1 tazza equivale a circa 250gr (guardate nella sezione help! per maggiori dettagli sulle conversioni peso/volume!)

** Non ho in casa la farina autolievitante, mi sembra uno spreco (e inoltre i mio sportellino degli ingredienti inizia a chiedermi pietà per quanto è pieno e non ho il coraggi di aggiungere altro) per cui ogni volta che serve mescolo 2 cucchiaini colmi di lievito (quello per dolci va benissimo) ogni mezzo chilo di farina.

Procedimento (semplicissimo!):

–        Tagliare a fette i pomodori: lo spessore ideale è poco meno di un cm. Cercare di togliere l’acqua di vegetazione e i semini, se sono presenti.

–        Mescolare insieme le due farine e iniziare ad aggiungere il latte poco alla volta, finchè non si raggiunge la consistenza di una pastella spessa (tipo quella dei pancake). Se l’impasto risulta troppo duro, basta aggiungere un pochino di latte.

–        Salare, pepare.

–        A questo punto, immergete le fette di pomodoro nella pastella.

–        Fate riscaldare l’olio per la frittura in una padella dal fondo spesso; quando l’olio è bello caldo (ma non fumante!) potete iniziare a friggere: prima di immergere le fette, assicuratevi di togliere la pastella in eccesso.

I pomodori sono pronti quando la pastella è bella dorata, quasi bruna.

Una spolverata di sale…e gnam!

Ecco il risultato

Consigli&Suggerimenti

–        Non sono una fan delle fritture in genere per cui ho pochissimi consigli da condividere, ma la mia esperienza mi dice che bisogna assolutamente friggere poche fette alla volta, altrimenti si appiccicano, la pastella si alza e l’olio finisce direttamente sopra al pomodoro…il risultato è comunque buono, ma molto unto! 😦

–        Bisogna fare attenzione al tipo di pomodoro e al grado di maturazione: è meglio usare un tipo di pomodoro poco acquoso (io ho scelto il cuore di bue e mi sono trovata benissimo) e se è verde è molto meglio. Il pomodoro poco maturo, infatti, è più semplice da cucinare, perché si ammorbidisce meno. Non abbiate paura del sapore, il risultato sarà comunque dolcissimo!

–        I pomodori verdi fritti in questo modo sono croccantissimi fuori e belli morbidi e succosi dentro, una vera delizia! Attenzione a scolarli bene: l’autrice consiglia di appenderli in verticale (come se in casa avessimo tutti dei gancetti per appendere i pomodori fritti!!!!), io li ho messi su un piatto ricoperto da scottex, ma ho evitato di coprirli, per non perdere croccantezza.

–        Ah, ricordatevi che i pomodori verdi fritti sono da mangiare belli caldi: sono davvero buonissimi e sarà difficile contendersi l’ultima fetta! 🙂

Voto finale al libro: 3 stelle

…Towanda!! 🙂

Advertisements

5 responses to “Recensione del libro WHISTLE STOP CAFÈ COOKBOOK (Ricetta dei Pomodori Verdi Fritti)

  1. noolyta ha detto:

    io ho adorato il film e mi hai fatto voglia di cercare anche il libro! la ricetta dei pomodori verdi fritti poi devo farla per forza!

    Mi piace

  2. Terry ha detto:

    Ma lo sai che me lo son segnato su amazon da tempo questo libro,ho amato sia il film ed ancor di più il libro..,. lo prenderò di sicuro! ,..,io ho provati i pomodori verdi fritti ma non con questa ricetta dell Flagg! prenderò il libro e li proverò!
    bello il blog 🙂 alla prossima

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: