La Fata della Zucca

Libri e Pasticci in Cucina

OGGI CUCINO IO (Torta di mele)

su 19 maggio 2012

Questo piccolo-grande libro mi accompagna da così tanto tempo che per me è difficilissimo essere oggettiva: la mia edizione risale al 2003! Troppe emozioni gli sono rimaste appiccicate…e l’appiccicume è tuttora fisicamente presente tra le pagine delle ricette provate!

OGGI CUCINO IO – 400 RICETTE FACILI E DI SICURO SUCCESSO PER TUTTI I GUSTI E LE OCCASIONI, Edito da Mondadori

Questo libro è stato il mio compagno di tanti tentativi culinari più o meno riusciti, oltre che un valido strumento di minaccia (piccolo, compatto e pesantissimo…è come avere una palla di cannone in libreria!). 🙂

Più che di un libro si tratta di un vero e proprio ricettario: questo significa che non viene esplorato e approfondito un tema specifico, ma all’interno si può trovare di tutto, dall’antipasto al dolce, passando per il primo, il secondo e il contorno. In questo si perde sicuramente un po’ di fascino, in favore di tantissimi spunti e idee (di tutti i tipi!) in generale abbastanza facili da essere alla portata di tutti.

Non si tratta di un ricettario classico, ancorato alla tradizionale cucina italiana, ma le ricette spesso hanno un che di creativo…a volte, sinceramente, più che creativo, bizzarro!! 🙂

Solo sfogliandolo capirete come può essere bizzarro passare dallo zaziki (si, scritto così!) alle uova alla messicana, dagli spiedini di salsicce di cinghiale al pollo satay con salsa di arachidi …una infarinatura di cucina italiana, medio-orientale, asiatica che può soddisfare anche i più grandi curiosi alle prime armi…e che può deludere i più esperti, specie quelli già abituati a preparazioni più tecniche. Va bene semplificare, ma non si può passare le olive all’ascolana nella pastella prima di friggerle!!!! 🙂

Leggendo le ricette si ha l’impressione che siano tutte iper-semplici: poche righe per ognuna e spiegazioni ultra concise. Bisogna mettersi alla prova per verificare se è davvero tutto così semplice (e spesso lo è!) o se qualche tecnica insidiosa si nasconde tra le righe delle ricette.

Nonostante tutto, sfogliando questo ricettario ho trovato una delle ricette che mi danno maggiore soddisfazione in assoluto. Con poche piccole modifiche è diventato uno dei miei dolci preferiti, da fare e da regalare: facile, anzi facilissima, ma incredibilmente buona, una crosticina croccante in superficie che lascia spazio a un impasto dolce e soffice da perdere la testa…

Ecco la ricetta per la torta di mele rustica

INGREDIENTI

–        125 g burro ammorbidito

–        100 g zucchero*

–        La scorza grattugiata di un limone**

–        2 uova

–        1 presa di sale

–        220 g farina 00

–        5 cucchiai di latte

–        1 bustina lievito in polvere

–        4 mele acidule***

* Per questa torta io preferisco lo zucchero di canna: credo che regali un retrogusto più pieno.

** Io sostituisco il gusto acido del limone con la dolcezza dello sciroppo di vaniglia: 1 cucchiaio abbondante andrà benissimo

*** Per la mia variante della ricetta 3 mele sono sufficienti

Procedimento (semplicissimo!):

Con uno sbattitore elettrico, montate insieme zucchero e burro. Sempre continuando a montare, aggiungete la scorza di limone (o la vaniglia, nel mio caso), il sale e poi le uova, una alla volta. Poi è il turno della farina e del latte: aggiungete un terzo della farina alla volta, alternandola con il latte. Se l’impasto dovesse essere troppo duro (se lo sbattitore non ce la fa!) aggiungete ancora un pochino di latte. In ultimo il lievito, sempre sbattendo il tutto. Accendete il forno a 180°.

A questo punto c’è la vera differenza tra la ricetta originale e la mia variante.

Nella ricetta originale bisogna prendere le mele, sbucciarle e tagliarle a metà e togliere il torsolo. Versare l’impasto in una teglia rotonda e poi mettere le mezze mele a testa in giù sopra l’impasto prima di infornare.

Questa soluzione non mi ha mai convinto, l’idea di queste mezze mele cotte su una torta mi lascia perplessa…per cui ecco la mia variante (super collaudata!).

Prendete 1 mela e mezza, togliete la buccia, tagliatela in 4 spicchi e togliete i semini e la parte centrale. Tagliate ogni spicchio in piccoli pezzetti e metteteli direttamente nell’impasto. Poi mescolate bene: la mela nell’impasto una volta cotta e praticamente sciolta, darà grande morbidezza alla torta.

Versate l’impasto in una teglia (non ha importanza la forma, è una torta rustica!!) rivestita di carta da forno. A questo punto prendete le mele rimaste, sbucciatele, tagliatele a spicchi e togliete il torsolo. Affettate ogni spicchio in lamelle non troppo sottili e con queste andate a decorare la superficie della torta. Schiacciate bene sulla superficie senza però farle affondare nell’impasto. Una volta coperta la superficie della torta, spolverizzate con dello zucchero di canna.

Infornate per circa 45/50 min.

Infilate uno stuzzicadenti nella torta per verificare la cottura: se ne esce asciutto, è arrivato il momento di farla raffreddare…e nasconderla! È così buona che finisce subito!

Ecco il risultato


Consigli&Suggerimenti

–        Personalmente non credo che esista la mela perfetta per la torta di mele, si tratta di un dolce rustico, adatto a essere fatto con quello che si ha in casa per cui, se avete delle mele in casa andranno benissimo! Io, però, in generale utilizzo le mele Fuji, ma solo perché mi piacciono moltissimo e le sgranocchio volentieri mentre preparo la torta! 🙂

Voto finale al libro: 2 stelle e mezzo

Che voto dare a una ricetta perfetta?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: